Tariffe ( TARI e IMU) Anno 2023

Consulta i documenti.

Descrizione

IN BREVE…

Abitazioni principali di categoria da A2 ad A7 e relative pertinenze: sono esenti IMU. Pagano TARI (tassa rifiuti).

Abitazioni principali di lusso (Categoria A1, A8 e A9) e altri fabbricati: pagano IMU e TARI (tassa rifiuti).

Aree fabbricabili: pagano IMU.

TARI (rifiuti)

IL COMUNE PROVVEDERÀ AD INVIARE AI CONTRIBUENTI AVVISO BONARIO E MODELLI PER IL PAGAMENTO.

Chi ha attivato l'addebito automatico sul conto corrente bancario si vedrà addebitare l'importo di ciascuna rata nelle date di scadenza stabilite.

 

SCADENZE

Acconto o unica soluzione:                   31 luglio 2023

Saldo:                                                        31 ottobre 2023

 

IMU 2023

IL PAGAMENTO IMU È DOVUTO DAI PROPRIETARI DI SECONDE CASE E DI ALTRI FABBRICATI, COMPRESI I TERRENI EDIFICABILI, DIVERSI DALL'ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE.
Restano esonerati dal pagamento i proprietari di abitazioni principali e relative pertinenze purché non siano classificate al catasto come case di lusso A1, A8 e A9.

Non è più presente l'esenzione per gli immobili categoria D/3 destinati a cinema, teatro, etc..

Immobili merce: dal 1° gennaio 2022, a norma dell’art. 1, comma 751, della L. 160/2019 i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, finché permanga tale destinazione e non siano locati, sono esenti dall'IMUResta obbligatoria la presentazione della dichiarazione IMU a pena di decadenza.

SCADENZE

Acconto o unica soluzione:                   16 giugno 2023

Saldo:                                                        16 dicembre 2023

 

 

ALIQUOTE 2023 (deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 30/03/2023)

Fattispecie

norma di riferimento

aliquota stabilita dalla legge

aliquota minima che può essere stabilita dal comune

aliquota massima che può essere stabilita dal comune

 

 

ALIQUOTA

2023

abitazione principale di categoria catastale A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7

c. 740,

L. 160/2019

Esente

abitazione principale di categoria catastale

A/1, A/8 e A/9

* si applica una detrazione di euro 200,00

c. 748,

L. 160/2019

0,5%*

0

0,6%*

0,5%*

fabbricati del gruppo catastale D

c. 753,

L. 160/2019

0,86%
(0,76% quota Stato)

0,76%

1,06%

0,96%
(0,76% quota Stato)

fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati (fabbricati merce)

c. 751,

L. 160/2019


esenti dal 2022

0


esenti dal 2022

ESENTI

fabbricati rurali strumentali

c. 750,

L. 160/2019

0,1%

0

0,1%

0,1%

altri fabbricati

(fabbricati diversi da abitazione principale, fabbricati del gruppo catastale D, fabbricati merce, fabbricati rurali strumentali)

c. 754,

L. 160/2019

0,86%

0

1,06%

0,96%

aree fabbricabili

c. 754,

L. 160/2019

0,86%

0

1,06%

0,96%

terreni agricoli

c. 752,

L. 160/2019

0,76%

0

1,06%

ESENTI

 

Detrazione da applicare all’abitazione principale e alle pertinenze (SOLO CATEGORIE A/1, A/8 E A/9) € 200,00

 

ALTRE INFORMAZIONI

IMU su immobili concessi in comodato gratuito.

La base imponibile dell’IMU è ridotta del 50% per le unità immobiliari concesse in comodato dal soggetto passivo (comodante) ai parenti in linea retta entro il primo grado, vale a dire genitori e figli (comodatari), che le utilizzano come abitazione principale.

Per poter beneficiare della riduzione occorre che:

  • Il contratto sia registrato;
  • Il comodante deve essere proprietario di un solo immobile oppure di 2 immobili ma in tal caso uno dei due deve essere necessariamente abitazione principale del proprietario;
  • Il comodante risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato.

Sono esclusi i comodati per le abitazioni di lusso (Cat, A1, A8 e A9).

 

IMU per immobili posseduti da pensionati esteri

La riduzione dell'imposta per i pensionati residenti all'estero con pensione maturata in convenzione internazionale con l'Italia torna ad essere pari al 50% dopo che, solo per il 2022, era stata portata al 62,5% (imposta ridotta al 37,5% - Art. 1, comma 743, Legge 234/2021).

 

TARI per immobili posseduti da cittadini residenti all’estero

Il comma 48 dell’art.1 della Legge 178/2020 ha confermato l’applicazione della TARI in misura ridotta di due terzi per una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato, con pensione maturata in convenzione internazionale con l'Italia, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso.

 

Cosa si intende per pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l’Italia?

Questa particolare definizione corrisponde ad una pensione che sia stata maturata in regime di totalizzazione internazionale: deve essere ottenuta, in estrema sintesi, dalla somma dei contributi versati in Italia e da quelli versati nel paese di residenza.

 

VALORI AREE FABBRICABILI

Al fine di semplificare gli adempimenti a carico dei contribuenti e per orientare l’attività di controllo dell’ufficio, con propria deliberazione n. 6 del 19/01/2023, la Giunta Comunale ha determinato, per zone omogenee, i valori minimi venali in comune commercio ai fini dell’applicazione dell’Imposta Municipale Unica sulle aree fabbricabili site nel territorio del comune.

 

AZZONAMENTO

INDICE FONDIARIO

VALORE

al mq.

ZONA A - nuclei storici

pari all'esistente

//

ZONA B1 – residenziali ad alta valenza paesistica

0,01 mq/mq

€ 26,00

ZONA B2 – residenziali a ridosso del centro storico

pari all'esistente

//

ZONA B3 – residenziali e miste

0,10 mq/mq

€ 52,00

ZONA B4 – residenziali rade con salvaguardia del patrimonio verde

0,10 mq/mq

€ 52,00

ZONA BRT – residenziale turistica

0,08 mq/mq

€ 78,00

ZONA ASB5 a/b - aree ex Telsa

 

 

       - Piano esecutivo di iniziativa privata non approvato

 

€ 26,00

       - Piano esecutivo di iniziativa privata approvato

 

€ 78,00

ZONA D1 – di prevalente completamento dell’esistente

0,8 mq/mq

€ 26,00

per attività produttive/commerciali

 

 

ZONA D2 – di sviluppo dell’esistente enuovo insediamento:

 

 

      - Piano di Lottizzazione non approvato

0,30 mq/mq

€ 26,00

      - Piano di Lottizzazione approvato

0,40 mq/mq

€ 52,00

ZONA D4 - ex aree Vetreria

 

 

      - Piano di recupero non approvato

 

€ 26,00

      - Piano di recupero approvato

 

€ 78,00

 

 

CALCOLA L’IMU

Sul sito internet del Comune nella sezione dedicata all’IMU (Servizi on line > Calcolo IMU > Calcolo ICI/IMU online), è possibile calcolare l’imposta dovuta e stampare il modello F24 per il pagamento, inserendo le rendite catastali dei propri immobili.

All’interno del modulo per il calcolo è possibile calcolare il RAVVEDIMENTO OPEROSO per omesso/parziale versamento IMU.

In caso di omesso o parziale versamento dell’imposta municipale propria è possibile sanare la violazione effettuando, entro i termini di cuiall’allegato, un versamento comprensivo di tributo o maggior tributo dovuto, della sanzione ridotta e degli interessi a tasso legale calcolati suigiorni di effettivo ritardo.

Per ottenere il valore della rendita catastale andate al link dell'Agenzia del Territorio, inserite il vostro codice fiscale e i dati dell'immobile (sezione, foglio, particella e subalterno).

 

CLICCA QUI PER LA RENDITA

 

CLICCA QUI PER IL CALCOLO

 

 

SPORTELLO IMU

 

Il Comune non procederà all’invio a domicilio di modelli di pagamento in relazione all’IMU.

 

Si avvisa la gentile cittadinanza che il Comune di Porto Valtravaglia, per perseguire l’obiettivo di semplificazione degli adempimenti dei contribuenti di cui all’art 1 commi 688 e 689 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, procederà a rendere disponibili i modelli di pagamento IMU preventivamente compilati, su richiesta dei contribuenti e previa presentazione di eventuale apposita documentazione.

 

I contribuenti interessati al servizio potranno accedere all’Ufficio Comunale preposto dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e sabato dalle ore 10.00 alle ore 12.00.

E’ preferibile prenotare appuntamento al n. 0332/543810 o tramite mail all’indirizzo: boldrini@comune.portovaltravaglia.va.it.

 

E’ sempre possibile chiedere il calcolo IMU ed il relativo modello F24 precompilato all’indirizzo mail: boldrini@comune.portovaltravaglia.va.it

Ufficio responsabile

Ufficio Tributi

Porto Valtravaglia, Comunità Montana Valli del Verbano, Varese, Lombardia, Italia

Telefono: 0332543810
Email: boldrini@comune.portovaltravaglia.va.it
PEC: comune.portovaltravaglia@pec.regione.lombardia.it
Ufficio Tributi

Licenza di distribuzione

Pubblico dominio

Servizi collegati

Tributi, finanze e contravvenzioni

Richiesta contributi

Consulta il servizio.

Ambiente

Gestione rifiuti

Consulta il servizio.

Pagina aggiornata il 08/03/2024